Extreme ICE: in apnea sotto il ghiaccio dei laghi di Fusine per studiare la fisiologia e la gestione delle risorse cognitive dell’apneista in condizioni estreme di ipotermia. I ricercatori presenti hanno raccolto dati importanti per la ricerca nel settore del soccorso in acqua oltre che per la ricerca medica delle modificazioni fisiologiche dell’organismo umano.
L’evento è stato organizzato da Apnea Evolution con la collaborazione di Deep Inside Project, Apnea Academy Competition, CESFA (Centro europeo formazione soccorso acquatico), Università di medicina e chirurgia di Udine – Facoltà scienze motorie, Agenzia regionale Promotur, Turismo Fvg e Comune di Tarvisio: un totale di 7 istruttori Apnea Academy, 5 ricercatori, 15 specialisti di sicurezza in acqua, 3 paramedici, 20 operatori. Hanno assistito alla prova anche circa 150 studenti di diversi istituti scolastici coinvolti nel nostro progetto di autoprotezione e prevenzione degli incidenti in acqua denominato “Il Mare negli occhi del bambino e del ragazzo”.

Condividi